Lingua 

Aggiornamenti  | Medjugorje  | Messaggi  | Articoli i Attualitaè  | Video  | Galleria | Mappa del Sito  | Sulle[EN]  | Registro degli Ospiti

www.medjugorje.ws » Text version » Articoli i Notizie » Medjugorje Libro Giallo » Scrivete nei vostri cuori che Dio è il Signore - Medjugorje Libro Giallo -- Vi supplico ascoltate i miei messaggi e viveteli

Medjugorje Libro Giallo

Vi supplico ascoltate i miei messaggi e viveteli

Other languages: English, Italiano
Contenuto dell'articolo
  1. « Adesso non pregate, mettetevi in silenzio e lasciatemi passare attraverso i vostri cuori »
  2. I messaggi della Madonna ci preparano per gli avvenimenti che ci attendono
  3. Il piano del Signore non è universale, è individuale
  4. Se io mi metto sul livello dei messaggi e li vivo, il futuro non e più nascosto per me
  5. «Tutti coloro che ascoltano e vivono i miei messaggi sono la mia Parrocchia»
  6. « In questo anno offrirò la mia pace al mondo »
  7. « Dovete sentirvi nulla. È il Padre che farà tutto »
  8. « Prendete le vostre croci con gioia »
  9. L'amore è l'unica forza che salva
  10. « Eccomi, sono la serva del Signore »
  11. Non impedite che Gesù vi ami
  12. « Cari figli, accogliete tutto quello che il Signore vi offre »
  13. Si impara la fede attraverso un'apertura umile
  14. « Cari figli, voi dimenticate che siete tutti importanti »
  15. «Ogni famiglia sia attiva nella preghiera»
  16. « Cari figli, voi siate la gioia di tutti gli uomini, siate la speranza ad ogni uomo »
  17. L'apertura del cuore allo Spirito Santo ci porta alla profondità della conoscenza
  18. «Appena vedete un peccato confessatelo, affinché non rimanga nascosto nelle vostre anime »
  19. « Vi invito perché mi offriate i vostri cuori, affinché io possa cambiarli e farli simili al mio Cuore »
  20. « Cari figli, oggi vi invito a vivere l'amore con Dio e con il prossimo nella vostra vita »
  21. « Siate luce a tutti e testimoniate nella luce »
  22. « Con queste grazie, cari figli, desidero che le vostre sofferenze diventino la gioia »
  23. Preparate i vostri cuori per l'incontro con Dio
  24. « Il vostro obbligo non è tanto di fare, quanto di adorare Dio, di stare con Dio »
  25. Entrare nella preghiera del cuore
  26. «Senza preghiera, cari figli, non potete sentire né Dio, né me, né la grazia che vi sto dando»
  27. Se voi vi offrite completamente al Signore, permettete a Lui di guidare la vostra vita
  28. « Se desiderate sentire che Dio è quella vera pace che cercate, allora semplicemente dovete pregare col cuore »
  29. « Io desidero soltanto che per voi il Rosario diventi la vita »
  30. Che cos'è la preghiera?
  31. Consacratevi ogni giorno alla Vergine
  32. « Impegnatevi con l'amore dove siete »
  33. La Madonna chiede la confessione settimanale alle persone che si consacrano
  34. Camminate sotto il Cielo aperto
  35. « Desidero che anche per voi la croce sia gioia »
  36. « Pregate per poter accettare la croce »
  37. « Non siete pieni di gioia perché non siete in grado di capire il mio amore immenso »
  38. Scrivete nei vostri cuori che Dio è il Signore
  39. L'Adorazione al Santissimo
  40. « Desidero invitarvi a prendere e vivere sul serio i messaggi che vi do »
  41. « Pregate, cari figli, solo così potrete conoscere tutto il male che sta in voi ed offrirlo al Signore, in modo che il Signore possa purificare del tutto i vostri cuori »
  42. Siamo invitati di nuovo a dire il nostro « si »
  43. Bisogna pregare in continuo
  44. « Il mio cuore segue attentamente i vostri passi »
  45. « Io invito le famiglie alla santità. Che le famiglie siano un luogo dove nasce o sta nascendo la santità »
  46. « Vuoi offrirti anche tu per la salvezza del mondo? »
  47. La preghiera senza sosta è la nostra vita
  48. « Cari figli... »
  49. « Vi ho offerto tutto e da voi sarà chiesto tutto »
  50. MESSAGGIO DELL'8 GENNAIO 1987: « Da oggi darò meno messaggi, ma sono con voi »
  51. « Cari figli, ormai si è compiuto quello che il mio Signore ha programmato »

Meditazioni (sui Messaggi) di P. Tomislav Vlasic e P. Slavko Barbaric - Anno 1986

Io credo che noi, tutti quanti, se vogliamo essere veri pellegrini, dobbiamo fare questo passo, anche se le potenze del mondo ci schiacciano, ci costringono: offrire con la pace le nostre vite e continuare a vivere questa offerta umilmente. Soltanto così Dio sarà glorificato in noi.

Penso che questo è molto importante, perché tutti noi siamo pronti a fare la lotta per la Madonna, a discutere, a tirare le conclusioni logiche, a portare gli argomenti umani, ma tutto quello è di poca importanza.

Dobbiamo riflettere, dobbiamo portare una chiarezza anche umana, ma in fondo è Dio che agisce e, quando non abbiamo nessuna forza umana, anche lì dobbiamo rimanere in pace, sicuri che Dio vincerà.

Perché tutti noi vogliamo un trionfo, un trionfo sulla terra, ma il trionfo sulla terra non ci sarà: soltanto chi si offrirà, come si è offerto Gesù, arriverà ad un trionfo nel Cielo. Qui sulla terra l'unico trionfo è di offrire la nostra vita, affinché il nostro fratello sia salvato.

(P. Tomislav Vlasic - 8 febbraio 1986)
Milano, 10 marzo 1987

Scrivete nei vostri cuori che Dio è il Signore

La lettura del Vangelo di oggi dice: « Ipocriti, sapete giudicare l'aspetto della terra e del cielo, come mai questo tempo non sapete giudicarlo? E perché non giudicate da voi stessi cosa è giusto? Quando vedete una nuvola salire da ponente subito dite: viene la pioggia. E così accade. Quando soffia lo scirocco dite: ci sarà caldo. E così accade ». Il Vangelo ci invita- a prendere un atteggiamento serio di fronte a questi avvenimenti.

Veramente è una cosa strana: già da metà secolo gli uomini piangono e non sanno come risolvere il problema della guerra. Si sono fatte mille conferenze nazionali ed internazionali della pace e non si è combinato quasi nulla. È strano che noi cristiani non siamo in grado di capire la strada della pace, di conoscere la voce del Cielo che grida: « pace ». Forse noi sacerdoti dobbiamo analizzare questi ultimi venti anni del cammino della confessione e della psicoterapia. Nel tempo del Concilio, più o meno lì, si è cominciato a negare la confessione e le persone andavano da psichiatri, da psicanalisti per essere aiutati, per trovare la pace. Ma adesso è il contrario, adesso gli psicanalisti mandano dal sacerdote per risolvere i problemi, perché la pace non c'è senza Dio. Chi non incontra Dio con tutto il cuore, con tutta l'anima, non può godere completamente la pace.

Vi dico questo soltanto perché non guardiate a Medjugorje come a un enigma del. secolo ventesimo, ma perché vi guardiate attorno per conoscere i segni che vi parlano di questo avvenimento. Dovete guardare a Medjugorje come a un avvenimento in cui potete capire la storia dell'umanità, la storia della salvezza. La pace dell'umanità non è stata costruita mai sulle potenze umane, sulla politica forte, sicura, sulla civilizzazione avanzata. Anzi, sappiamo dalla storia che quando la civilizzazione avanzava, arrivava fino ad un punto quando tutto crollava, era quando la vita morale crollava. Perciò non c'è da stupire se i veggenti - che conoscono i dieci segreti - parlando delle ammonizioni dicono che saranno dure. Non c'è da stupire, perché dobbiamo riconoscere la realtà.

Allora, dobbiamo guardare a Medjugorje come a uno specchio in cui si rispecchia la speranza di come risolvere i nostri problemi. Noi non possiamo andare avanti con la pace nel cuore, mentre in una città metà dei matrimoni si sciolgono. Noi non possiamo guardare bene al nostro futuro dove milioni e milioni di bambini sono abortiti. Noi non possiamo andare avanti mentre un terzo del mondo muore di fame e gli altri, che si chiamano cristiani, nell'occidente, buttano il cibo. Non possiamo andare avanti finché non siamo convertiti. E perciò vi chiamo a guardare a questo segno di Medjugorje come al segno che vi parla, che vi spinge a riflettere sulla situazione del mondo, della guerra, dell'ingiustizia, della mancanza di morale, della mancanza di una vita spirituale, di una vita cristiana.

Allora capirete tutto quello che la Madonna vi dice. Può essere strano, ma per noi cristiani non è strano quando la Madonna condiziona la pace con la nostra conversione. All'inizio ci ha detto: « La pace l'avrete soltanto se il mondo si converte. Chi si converte e trova Dio, trova una gioia interiore dalla quale proviene la pace ».

L'anno scorso ho guardato un dramma, l'« Ecce Homo ».

È come se rivelasse quello che sta accadendo qua. Esistono diverse tappe in cui Dio permette a satana di agire nell'umanità e satana promette tutto agli uomini sulla terra. Quando muoiono e incontrano satana il saluto di satana è questo: « Qui non avrete mai la pace ». Coloro invece che si incontrano con Gesù Cristo sono salutati: « Pace a voi » e Gesù abbraccia tutti quanti e dice: « Venite a riposare ». Questa è la realtà che noi dobbiamo scoprire in questo momento: dobbiamo convertirci a Dio e vivere questa realtà della presenza di Dio e con Dio vivere questa pace. È inutile stare ad aspettare per vedere se verrà la guerra, se verrà la distruzione: verrà di sicuro se continuiamo così, il male verrà di sicuro, perché una casa costruita sulla sabbia non può resistere. Il peccato è che noi cristiani non riconosciamo questo, che dentro di noi manca la luce, e noi non siamo diventati luce. Oggi, quando vi chiamo a riflettere sul messaggio di ieri sera, sul messaggio che parla della pace, voglio chiamarvi, invitarvi a diventare la luce. Ieri la Madonna. ha detto: « Anche oggi vi invito alla preghiera, in modo particolare vi invito, cari figli, a pregare per la pace. Senza le vostre preghiere, cari figli, non posso aiutarvi affinché si realizzi il messaggio datomi dal Signore per voi. Perciò, cari figli, pregate che nella preghiera conosciate la pace che Dio vi dà ».

L'invito della Madonna di partecipare, di collaborare con Lei attraverso la preghiera, attraverso la penitenza, attraverso la conversione, è l'invito a collaborare per realizzare la pace. Ora questo è un momento molto importante per capire il messaggio della pace. Adesso dovete dare la risposta se volete realizzare la vittoria della Madonna o no. Dovete sapere che la Madonna non vince da sola, Lei vince con i suoi figli. Noi siamo stati chiamati dalla Madonna in ogni messaggio « Cari figli », in ogni messaggio ha detto « Cari figli » e ci invita alla preghiera, al digiuno, alla vita sacramentale, alla conversione, ad un abbandono totale a Dio. Non so se voi avete sperimentato questi attacchi satanici, ma io ne ho visti tanti, in modo da disturbare i pellegrini, da allontanarli dalla strada della conversione, da mettere i piccoli e i grandi litigi nelle famiglie, soltanto per impedire la preghiera, per impedire il digiuno. Tanti attacchi, anche piccoli, attraverso i quali si indebolisce la vita spirituale di una persona. Poi un buio, un buio grande che c'è nelle anime: sia noi sacerdoti che non conosciamo la situazione, non conosciamo la presenza di satana in tanti casi matrimoniali, in tanti casi di malattie, sia la mancanza della luce nelle nostre anime per riconoscere dove satana è mascherato, per scoprirlo, per annunciare quello che appartiene a Dio.

Noi adesso dobbiamo anzitutto prendere le armi che ci indica la Madonna: quel Vangelo - Matteo 6,24-34 - che ci ha invitato a leggere ogni giovedì, in cui dice: abbandonatevi, non si può servire a due padroni. E io vi dico: decidete di appartenere completamente a Dio. Se siete in Dio, satana non può farvi nulla, anche se siete sulla croce, anche se vi attacca, anche se vi dà degli schiaffi: non può farvi nulla se voi vi siete abbandonati a Dio.

La Madonna poi ci ha dato in mano il Rosario e diverse volte ci ha invitati a pregare perché satana non potesse fare quel male che aveva deciso di fare nella Chiesa cattolica; ci ha invitati tutti quanti a pregare l'intero Rosario tutti i giorni. Adesso ci chiede di pregare continuamente. Nel penultimo messaggio disse: « Pregate in continuo ».

Ci ha invitati a digiunare, a liberare la nostra gola dall'influsso di satana. Per gola gli uomini incominciano le guerre, sia in casa, sia per il prestigio economico. Ecco, il digiuno che ci libera. Ci ha invitati a digiunare anche dai programmi televisivi che sono un grande impedimento alla preghiera. La gente che sta ore e ore davanti al televisore dice di non aver tempo per pregare.

Convertitevi, e quando dico convertitevi non basta dire: « Oggi mi converto ». Bisogna cominciare e tornando nelle vostre città, ai vostri paesi cominciate a testimoniare questa conversione, sia con la vita, sia con l'espressione esteriore, portando la croce, un segno che dice: credo in Dio. E difatti, all'inizio, la Madonna disse che la preghiera migliore è il Credo. Ma non soltanto dirlo con la bocca, ma esprimerlo con la nostra vita.

Ecco, cari fratelli e sorelle, parlando della pace io vi ho detto che quando vogliamo realizzare la pace dobbiamo sapere che Dio è la fonte della pace, che satana è la fonte della guerra. Se vogliamo una pace completa nelle nostre anime, andiamo da Dio e affidiamoci completamente a Lui. Se vogliamo che la pace avanzi nel mondo ascoltiamo la Madonna e facciamo quello che ci ha detto e così il Suo messaggio sarà realizzato.

Noi in questi giorni abbiamo pregato tutti i giorni per la pace del mondo, in modo particolare per quell'incontro del Papa ad Assisi. Mercoledì sera la Madonna ha invitato tutti i fedeli a salire sul Krizevac e lì è apparsa verso le ore 22, ha pregato sulla gente, ha dato la benedizione al mondo e, di nuovo, ci ha invitati a pregare per la pace in modo particolare in questi giorni. Noi continuiamo a pregare.

Io vi prego di scrivere nei vostri cuori che Dio è il padrone, Dio è il Signore. Io vado e mi offro al Signore. lo mi offro per realizzare la pace nel mondo, affinché la pace avanzi nel mondo. Io faccio quello che mi dice la Madonna, quello che ci hanno detto tutti i Santi durante la storia della Chiesa, quello che ci dice la Chiesa, quello che ci dice il Sommo Pontefice.

Concludo questo discorso: non fate più domande se la Madonna è apparsa o non è apparsa: prendete due specchi, guardateli e vedrete nei due specchi la stessa realtà. Uno specchio quello che dice la Madonna a Medjugorje e l'altro specchio quello che dice Papa Giovanni Paolo Il. Vedete chiaramente che è la stessa realtà e non permettete a satana che vi disturbi, che vi impedisca sulla strada della pace.

(P. Tomislav Vlasic - 24 ottobre 1986)

 


 

PC version: Questa pagina | Medjugorje | Apparizioni  | Messaggi  | Articoli i Attualitaè  | Galleria[EN]  | Medjugorje Videos[EN]