Lingua 

Aggiornamenti  | Medjugorje  | Messaggi  | Articoli i Attualitaè  | Video  | Galleria | Mappa del Sito  | Sulle[EN]  | Registro degli Ospiti

www.medjugorje.ws » Text version » Messaggi di Medjugorje » Riflessioni sui Messaggio di Medjugorje, 25 agosto 2002

Riflessioni sui Messaggio di Medjugorje, 25 agosto 2002

Other languages: English, Čeština, Deutsch, Español, Français, Hrvatski, Italiano, Polski

Messaggio di Medjugorje, 25 agosto 2002 [O]
"Cari figli, anche oggi sono con voi nella preghiera affinchè Dio vi dia una fede ancora più forte. Figlioli, la vostra fede è piccola e voi non siete nemmeno coscienti di quanto, nonostante questo, non siete pronti a cercare da Dio il dono della fede. Per questo sono con voi per aiutarvi a comprendere, figlioli, i miei messaggi e a metterli nella vita. Pregate, pregate, pregate e soltanto nella fede e attraverso la preghiera la vostra anima troverà la pace e il mondo la gioia di essere con Dio. Grazie per aver risposto alla mia chiamata. "

La Beata Vergine Maria, Regina della Pace, ci conferma anche questa volta che è con noi. Lei come Madre è sempre con noi, ma attraverso le apparizioni noi la vediamo più vicina, più presente. Maria Regina della Pace, ci parla fortemente con la sua presenza, con il suo cuore, più che con le parole; molti lo hanno sperimentato e confermato: quello che si tocca e sperimenta con il cuore rimane impresso per sempre. Questo vivo incontro con la presenza della Madonna, è una ricchezza della quale si vive; da qui può iniziare un nuovo cammino di fede verso Gesù, al quale ci guida Maria. Nel precedente messaggio ci invitava a rivolgerci ai nostri santi protettori che intercedono per noi; loro vivono nella gloria di Dio, da dove aiutano la Chiesa pellegrina, che siamo noi. Non siamo da soli; la nostra vita è avvolta dalla loro preghiera e dal loro aiuto. Ma sperimentiamo pure che siamo a volte tentati anche da altri spiriti che non provengono da Dio. Su di noi è fissato lo sguardo d'amore di nostro Signore e della nostra Madre Celeste. Bisogna soltanto rivolgere gli occhi del cuore verso di loro, svegliare il cuore perché possa sempre di nuovo alzarsi dal sonno per ricevere nuova vita, nuovo sangue, che porta la vita di Gesù dentro di noi. In questo messaggio la Madre Maria ci conferma di nuovo la sua presenza. Lei è stata presente nei momenti più difficili della vita di Gesù; è stata e rimane con la Chiesa di Cristo e con tutte le generazioni umane fino ad oggi. Lei è stata insieme con gli apostoli in preghiera aspettando la promessa di Gesù: lo Spirito Santo. La Madonna ci invita a pregare per una fede più forte. La fede è grazia, è dono di Dio. Dio mi può dare solo quello che io chiedo. Se non chiedo, non mi può dare. La fede la riceviamo da Dio, ma Dio si serve degli uomini per donarci la sua salvezza; per questo ci ha dato la Chiesa e nella Chiesa ci dona la Madre Maria e sè stesso. Senza la fede la nostra vita sarebbe impensabile. Il bambino, come nasce, crede ai suoi genitori; per questo può crescere nella pace e nella sicurezza e si può buttare nelle braccia dei suoi genitori sapendo che sarà difeso e protetto. Credere significa anche sapere. Senza la fede non possiamo neanche crescere nella conoscenza delle cose, delle persone e del mondo. Se non abbiamo fiducia negli altri, dobbiamo avere paura di loro; paura che gli altri ci rapiscano, ci sparlino e ci uccidano. Senza la fede dobbiamo difenderci, chiuderci dagli altri; e per difenderci dobbiamo per forza attaccare gli altri. Gesù dai suoi apostoli ha cercato la fede e ripete tante volte nel Vangelo: "La tua fede ti ha salvato;" nonostante che sia Gesù colui che salva. Ma è come se Gesù volesse dire: "Con la tua fede tu mi hai permesso di venire da te; con la tua fede tu mi hai aperto la porta attraverso la quale io posso entrare da te. Nel Vangelo vediamo che Gesù non poteva fare miracoli alla gente che non gli credeva. Quelli che si avvicinavano a Lui solo per curiosità o senza la fiducia nella sua persona, Gesù non poteva aiutarli. E' necessario pregare per la fede. Quella fede della donna del Vangelo che era ammalata da 18 anni: nonostante che tutti toccassero Gesù, solo quella donna è stata guarita, perché aveva la fede. La fede che aspettava, aspettava da Gesù la salvezza e la salute. Quella donna ha detto un pieno sì a Gesù, ha avuto il coraggio di abbandonarsi totalmente a Lui; per questo Gesù ha potuto donare sè stesso a lei. Soltanto attraverso la fede in Gesù noi Lo possiamo conoscere e incontrare. Ma Dio è sempre sopra la nostra conoscenza, ci stupisce sempre ed è sempre diverso da quello che noi aspettiamo; con Lui mai può essere noioso. La preghiera può essere noiosa, ma Dio no. Se la preghiera mi è difficile, vuol dire che dentro di me c'è ancora tanto egoismo, che deve morire perché Dio sia al primo posto nella mia vita. Il peccato dentro di noi ci ha tolto la forza verso ogni bene; per questo troviamo tante difficoltà nel pregare, difficoltà nel perdonare e nell'amare. Sperimentiamo anche che è difficile confessarci e conformare la nostra vita secondo i comandamenti di Dio. Per questo nostra Madre Maria ci ammonisce: "Non siete pronti a cercare da Dio il dono della fede". Crescere nella vita spirituale vuol dire rafforzare le tre virtù: amore, fede e speranza. Chi può dire: sono cresciuto e non posso crescere di più nell'amore verso Dio e il prossimo? Chi può dire: credo in Dio al cento per cento e non ho bisogno più? Chi può dire di avere la speranza in ogni situazione della vita? Noi possiamo crescere sempre di più, crescere fino alla pienezza di Cristo in noi, perché siamo stati creati a sua immagine. Per questo la Vergine Maria viene, ci parla e ci invita, non lasciandoci nella nostra pace, ma ci vuol donare la pace di Dio. Decidiamoci per la preghiera personale e familiare. Cominciamo ad amare noi stessi un po' come Dio ci ama, così saremo capaci di amare Dio e gli altri. Perché la pace e la gioia che provengono da Dio, dal suo cuore e dal cuore di Maria, possano entrare nelle nostre case e nelle nostre famiglie.

Preghiera e Benedizione

Preghiamo! O Maria, Beata Vergine, Regina della Pace rivolgo al tuo cuore materno la mia povera parola e preghiera: presentala Tu al nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo. O Maria, Regina della Pace, tocca con il tuo cuore tutti i cuori che ci ascoltano, soprattutto i cuori che sono inquieti, disperati, chiusi e freddi, perché possano sperimentare e provare come è dolce e puro il tuo amore che vuoi donarci. O Maria, prega con noi, con le nostre famiglie, perché la fede possa crescere nei nostri cuori, nella Chiesa e nelle nostre famiglie. E per intercessione della Beata Vergine Maria, Regina della Pace, Dio onnipotente benedica e protegga da ogni male voi e le vostre famiglie: il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. Pace e bene.

Padre Ljubo



Per confrontare i messaggi con altro linguistico verso assortire

 

PC version: Questa pagina | Medjugorje | Apparizioni  | Messaggi  | Articoli i Attualitaè  | Galleria[EN]  | Medjugorje Videos[EN]