Lingua 

Aggiornamenti  | Medjugorje  | Messaggi  | Articoli i Attualitaè  | Video  | Galleria | Mappa del Sito  | Sulle[EN]  | Registro degli Ospiti

www.medjugorje.ws » Text version » Articoli i Notizie » Medjugorje Libro Rosso » « Abbandonate i vostri cuori a me » - Medjugorje Libro Rosso -- Pregate con il Cuore

Medjugorje Libro Rosso

Pregate con il Cuore

Other languages: English, Italiano
Contenuto dell'articolo
  1. « Pregate, digiunate, abbiate fede »
  2. « Non posso parlarvi, non posso darvi delle grazie, finché siete chiusi »
  3. « Pregate ed amate tutti gli uomini »
  4. Io devo desiderare di essere come Gesù
  5. « Apritevi a Dio e Dio potrà agire tramite voi »
  6. « Tante volte vi ho dato la mia benedizione e l'avete persa »
  7. Il momento della preghiera è il momento della trasfigurazione dell'anima
  8. Continuate a crescere nella pace, nella riconciliazione, nell'amore
  9. « Al Signore di tutti i cuori »
  10. « Vi proteggo col mio mantello »
  11. « Sconfiggete Satana con il Rosario in mano »
  12. « Sono quattro anni che vi invito alla conversione »
  13. « Entrate in lotta contro Satana
  14. La Madonna ci fa responsabili per la pace in questo mondo
  15. Qui parla il cielo
  16. La lotta tra la Madonna e Satana è una lotta soprannaturale e ci vogliono i mezzi soprannaturali
  17. « Pregate per la realizzazione di tutto ciò che Dio sta programmando in questa Parrocchia »
  18. Siamo tutti invitati alla pace e alla riconciliazione
  19. La fede che la Madonna vuole che impariamo è un abbandono al Signore
  20. È Dio che vince Satana
  21. Accogliete l'annuncio della Madonna e tutto il resto sarà cambiato
  22. Consacrarsi alla Croce
  23. Fate le domande a Dio
  24. Dio ha deciso di purificare il mondo
  25. « lo ti do il mio amore, perché tu lo dia agli altri »
  26. C'è da convertirsi subito
  27. «Confessatevi anche dei più piccoli peccati, perché quando andrete all'incontro con Dio soffrirete di aver dentro di voi un peccato»
  28. L'unico atteggiamento del cristiano verso il futuro è la speranza
  29. In questo periodo Dio e la Madonna vogliono delle persone pronte ad offrire tutto
  30. «Tutto ha il suo tempo»
  31. Se ci mettiamo a disposizione di Dio, è Dio che ci guida
  32. La Madonna fa nuovi passi da per tutto
  33. « Se voi voleste accettare il mio amore, non pecchereste mai »
  34. « Voi ancora non capite il mio grande amore, affrettatevi a capirlo »
  35. Il compito di noi cristiani è quello di vivere la speranza e la pace
  36. Non potete pregare profondamente fino al momento quando sarete offerti a Dio
  37. La Madonna vuole vestirci di santità, di obbedienza e di bontà per la venuta del Signore
  38. Credo, significa decidersi per Dio
  39. «Io sono vostra Madre, vi amo e desidero incitarvi continuamente alla preghiera»
  40. Tutti coloro che ascoltano i messaggi della Madonna appartengono alla sua Parrocchia
  41. « Avete dimenticato che state nella mia mano »
  42. « Preparatevi per il Natale con la preghiera, la penitenza ed opere di amore »
  43. La conversione dura tutta la vita
  44. La Madonna vuole che cominciamo a vivere radicalmente la nostra vocazione
  45. « Abbandonate i vostri cuori a me »

Meditazioni di P. Tomislav Vlasic e P. Slavko Barbaric dal luglio al dicembre 1985

A MARIA REGINA DELLA PACE con amore dai figli dei gruppi di Milano e Lecco

"Il momento della preghiera è il momento della trasfigurazione dell'anima, perciò dobbiamo essere pronti a mettere tutto sulla croce, perché soltanto se l'uomo vecchio muore saremo trasformati. Dobbiamo permettere a Gesù di fare questa trasformazione, questa trasfigurazione della nostra anima. Ecco, il mio desiderio è che voi seguiate questi messaggi in modo particolare attraverso una preghiera continua, quotidiana,. silenziosa, profonda, per essere trasfigurati.

E sarebbe bello, bellissimo, se la gente potesse dire di voi: "La cosa più bella sono gli occhi di quell'uomo che ho incontrato oggi sulla strada". Se noi fossimo così testimoni davanti alla gente, presto il mondo sarebbe cambiato, trasfigurato. Cercate di farlo per essere testimoni della trasfigurazione di Gesù nei vostri cuori ».

(P. Tomislav Vlasic, 6 agosto 1985)
Milano, 10 marzo 1986

« Abbandonate i vostri cuori a me »

Voglio dire solo una breve cosa sui veggenti.

Sono ancora quattro che hanno le apparizioni quotidiane: sono Vicka, Marija, Jakov e Ivan.

Ivanka non ha più le apparizioni dal 7 maggio, la prossima dovrebbe essere all'anniversario delle apparizioni, cioè il 25 giugno '86. Mirjana non ha più le apparizioni quotidiane dal Natale '82, ma le ha per il suo compleanno il 18 marzo e adesso negli ultimi mesi ha le locuzioni interiori, sente la stessa voce che sentiva durante le apparizioni, dice che la Madonna le parla soprattutto sui segreti, dà nuovi dettagli.

In due locuzioni del 25 ottobre e del 30 novembre, la Madonna le ha mostrato - dice - la prima ammonizione, il primo segreto come in un film.

Queste ammonizioni, tutto quello che racconta Mirjana si deve capire nel contesto delle apparizioni, cioè questi messaggi un po' apocalittici che parlano delle catastrofi sono possibili, una guerra nucleare è possibile. Ma noi sappiamo questo anche senza le apparizioni: la Madonna venendo vuole dirci che è possibile trovare di nuovo una via per la pace. Per questo le apparizioni sono sempre un fatto che dà nuova speranza, mai vogliono darci angoscia e paura, ma sempre speranza.

Così si devono capire anche questi ammonimenti; non vengono perché la Madonna appare, ma la Madonna appare perché siano evitate le cose brutte che noi abbiamo preparato gli uni per gli altri. Mirjana ha detto che darà ad un sacerdote confidente i segreti dieci giorni prima della loro realizzazione e tre giorni prima lui potrà dirli nella Parrocchia e anche a tutti gli altri che vogliono sentire o sono collegati con Medjugorje.

Voi sapete che la preghiera e il digiuno sono due cose molto importanti per queste apparizioni.

La Madonna ha detto: « Sono la Regina della Pace, voglio darvi la pace. Riconciliatevi, fate pace ». Ma tutto questo può venire se noi facciamo la nostra opera e la nostra opera è pregare e digiunare, perché nella preghiera e nel digiuno può crescere anche la nostra pace. Il Signore vuole darci la pace se preghiamo, se digiuniamo. Anche la conversione è un'altra parola di queste apparizioni, ma anche la conversione ci viene data se preghiamo, se digiuniamo. Nell'ultimo messaggio di giovedì dopo la festa del Natale, la Madonna ha ringraziato tutti quelli che hanno vissuto i messaggi nel giorno di Natale. Nei due o tre messaggi prima del Natale voleva anche prepararci. In un messaggio ha detto: « Preparatevi per il Natale nella preghiera, nella penitenza e nelle opere di amore ». Questa è una conseguenza della nostra conversione, perché la conversione deve sempre essere guardata o anche misurata ai comandamenti dell'amore verso Dio e verso il prossimo.

In un altro messaggio, prima del Natale, ha detto: « Amate il vostro prossimo », come condizione per poter sentire Gesù e « Se vi abbandonate al Signore, il Padre vi darà molte grazie ». Ha promesso alle mamme la sua benedizione materna.

Allora che cosa domandava la Madonna prima del Natale per poter glorificare e lodare Gesù e la sua nascita nel giorno di Natale? Di nuovo domandava la preghiera, il digiuno e le opere di carità. Noi non sappiamo molto sulla vita della Madonna, ma è sicuro che la Madonna si preparava per la sua missione anche così, nella preghiera, nella penitenza, nelle opere di carità.

Prima di Natale ha detto: « Se vi abbandonate al Signore, Lui vi darà molte grazie » e il giovedì dopo Natale ha ringraziato tutti quelli che hanno vissuto i messaggi e ha domandato di nuovo « Abbandonate i vostri cuori a me ».

Prima di incominciare questa spiegazione qualcuno mi ha domandato: « Cosa significa abbandonarsi? ». Io direi che abbandonarsi significa credere. Voi sapete che « credere » viene da due parole « cuor dare ».

Cuor dare a qualcuno significa avere fiducia in qualcuno, voi sapete che la preghiera e il digiuno sono due cose molto importanti per queste apparizioni.

La Madonna ha detto: « Sono la Regina della Pace, voglio darvi la pace. Riconciliatevi, fate pace ». Ma tutto questo può venire se noi facciamo la nostra opera e la nostra opera è pregare e digiunare, perché nella preghiera e nel digiuno può crescere anche la nostra pace. Il Signore vuole darci la pace se preghiamo, se digiuniamo. Anche la conversione è un'altra parola di queste apparizioni, ma anche la conversione ci viene data se preghiamo, se digiuniamo. Nell'ultimo messaggio di giovedì dopo la festa del Natale, la Madonna ha ringraziato tutti quelli che hanno vissuto i messaggi nel giorno di Natale. Nei due o tre messaggi prima del Natale voleva anche prepararci. In un messaggio ha detto: « Preparatevi per il Natale nella preghiera, nella penitenza e nelle opere di amore ». Questa è una conseguenza della nostra conversione, perché la conversione deve sempre essere guardata o anche misurata ai comandamenti dell'amore verso Dio e verso il prossimo.

In un altro messaggio, prima del Natale, ha detto: « Amate il vostro prossimo », come condizione per poter sentire Gesù e « Se vi abbandonate al Signore, il Padre vi darà molte grazie ». Ha promesso alle mamme la sua benedizione materna.

Allora che cosa domandava la Madonna prima del Natale per poter glorificare e lodare Gesù e la sua nascita nel giorno di Natale? Di nuovo domandava la preghiera, il digiuno e le opere di carità. Noi non sappiamo molto sulla vita della Madonna, ma è sicuro che la Madonna si preparava per la sua missione anche così, nella preghiera, nella penitenza, nelle opere di carità.

Prima di Natale ha detto: «Se vi abbandonate al Signore, Lui vi darà molte grazie » e il giovedì dopo Natale ha ringraziato tutti quelli che hanno vissuto i messaggi e ha domandato di nuovo « Abbandonate i vostri cuori a me ».

Prima di incominciare questa spiegazione qualcuno mi ha domandato: « Cosa significa abbandonarsi? ». Io direi che abbandonarsi significa credere. Voi sapete che « credere » viene da due parole « cuor dare ».

Cuor dare a qualcuno significa avere fiducia in qualcuno, aver fiducia in questo senso: affidare a lui la vita passata, la vita presente, adesso, il momento presente e anche la vita futura, con tutte le cose buone e con tutte le cose brutte, con tutti i peccati, con tutti i conflitti, dare tutto al Signore. Se facciamo così possiamo essere guariti dai nostri peccati, dalle ferite che portiamo in noi, nei nostri cuori. Abbandonarsi significa una vita con il Signore che amiamo e l'amore è la condizione per poterci abbandonare.

Guardate, anche nelle nostre relazioni umane, se non amiamo qualcuno, non possiamo affidarci, non possiamo aprire il nostro cuore, ci teniamo un po' lontani da lui, a distanza.

Quando si dà il cuore significa: tutto quello che ho, tutto quello che so, tutto quello che sono, te lo do e tu puoi disporre di tutto questo.

È la stessa cosa quando i fidanzati vengono nella chiesa e si sposano; dandosi la mano dicono: guarda, io voglio essere con te sempre anche nei giorni difficili, nella malattia, sempre con te per tutta la mia vita. E anche l'altro dice: io ti prendo per mia moglie, per mio marito e sono per te. E se questa è proprio l'espressione vera dell'amore, la vita diventa bella, diventa piena di gioia e anche quando vengono le difficoltà si portano più facilmente.

Se la Madonna dice: « Abbandonate i vostri cuori a me » significa: date tutto a me, tutte le vostre sofferenze, tutte le vostre debolezze. Non tenere niente per sé, non chiudersi nelle proprie angosce, nelle proprie paure, ma uscire e affidarsi al Signore. Questo abbandono può crescere se preghiamo, se digiuniamo, perché pregando e digiunando ci saranno date le esperienze che ci aiutano a fare nuovi passi verso il Signore. Così dico di nuovo cresce l'abbandono, cresce questo « cuor dare », ma senza la preghiera non si può fare esperienza dell'abbandono.

Io ho detto già alcune volte: digiuno, digiuno.

Sapete che la Madonna domanda due volte alla settimana il digiuno: vivere con pane e acqua. Se qualcuno non può, può aiutarsi con un po' di caffè e tè, in ogni modo si deve ridurre il nutrimento materiale al minimo. Si può mangiare pane quanto ne volete, non c'è una misura, ma solo pane.

Questo digiuno è molto importante. Se leggete tutti i messaggi vedete quante volte la Madonna ha domandato di non dimenticare il digiuno.

Il digiuno come la preghiera è domandato a noi nella Bibbia. Il digiuno con la preghiera serve alla fede, all'amore. Come? Digiunando passo per passo ci distacchiamo un po' dal mondo materiale e se ci distacchiamo ci viene data una grazia interiore, una libertà interiore. Vivendo in questo modo non siamo più attaccati a nessuna cosa di questo mondo e se non siamo attaccati possiamo sentire più facilmente cosa dice il Signore, cosa vuole da noi.

E anche nell'amore, se si è più aperti al Signore, il Signore ci guiderà subito agli altri, a quelli che noi possiamo aiutare.

Per questa ragione la Madonna domanda anche l'amore per il prossimo, ma non dice le cose concrete, perché ognuno di noi se vuole vivere l'amore per il prossimo troverà le opere della carità secondo le sue possibilità, secondo la sua situazione.

Io dico che un ricco deve digiunare, ma anche un povero deve digiunare. Forse il primo passo che dovrà fare un ricco è quello di dare di più agli altri. Da un povero non si aspetta che dia l'elemosina agli altri, ma si aspetta che accetti la sua povertà e che dalla sua povertà, nella sua povertà, faccia il bene quanto può.

Questo digiuno è anche molto importante per l'Eucaristia, per la Messa. Noi abbiamo dimenticato cosa significa avere il pane quotidiano, perché abbiamo troppe cose e avendo sempre di più diventiamo ancora più scontenti, ma se viviamo due giorni con il pane possiamo vedere che abbiamo già molte cose.

Ho avuto alcune esperienze negli ultimi giorni, una ragazza mi ha raccontato: « Io ho avuto molti vestiti e avevo bisogno di molti vestiti. Una volta non so come, dopo aver cominciato a digiunare, ho aperto il mio armadio e ho visto, ma col mio cuore, che ho troppe cose: tanti vestiti stanno tutto l'anno nell'armadio, forse li prendo una volta. In quel momento ho capito che dovevo darli agli altri e ho trovato anche la possibilità. Dopo aver visto che avevo troppe cose - prima pensavo di averne bisogno, che dovevo averle - ha capito un'altra cosa: che non avevo bisogno di tutte quelle cose che mettevo sulla mia faccia. Il Signore mi ha dato una bella faccia perché allora perdere tanti soldi e tanto tempo? E da quel momento non ho più preso niente ».

E la terza esperienza: « Dopo aver rinunciato a queste cose esteriori, andare a Messa per me diventa una cosa meravigliosa, io sento qualche volta che Gesù non è una piccola Ostia, ma Gesù entra nel mio cuore, mi sento tante volte tanto piccola e mi domando come Dio immenso può entrare nel mio cuore ». E vive, io credo, proprio la fede e dice: « Adesso sento, adesso vedo, adesso capisco cosa significa avere abbastanza, cosa significa avere il superfluo esosa significa essere cieco delle cose che abbiamo ». Guardate, questa ragazza io la conosco bene, ha cominciato radicalmente a pregare, radicalmente a digiunare; conosce le sue difficoltà e le sue crisi, ma conosce anche un proprio cammino meraviglioso in avanti.

Questo è quello che vuole il Signore da noi: non che noi restiamo senza pane, senza vestiti, non che noi non dobbiamo più lavorare, ma vuole aiutarci a vedere che abbiamo abbastanza.

Così, dico di nuovo, si impara l'abbandono, perché un segno che non siamo abbandonati al Signore è che abbiamo bisogno sempre di assicurarci questa vita, avere di più.

Forse qualcuno di voi ha sentito di un libro che è uscito in Germania: « Avere o essere. Questa è l'alternativa ». Molta gente vuole solo avere, senza voler essere, nel senso di diventare uomo, diventare cristiano. Qui tramite il digiuno, tramite la preghiera, il Signore ci dà una vista giusta sulla nostra vita, su questo mondo materiale, sugli altri. Questa è anche la via per la pace: se noi diventiamo più giusti, se viviamo di più la verità, se viviamo di più l'amore per il prossimo, la pace verrà.

La pace non significa solo l'assenza della guerra, ma la pienezza dei beni fisici, psichici e spirituali.

Ma questa è tutta teoria se io parlo così. Questo è un cammino che la Madonna ci ha proposto per avere la pace: si deve vivere, si deve cominciare a vivere, passo per passo. Il Signore e la Madonna sono cauti con noi, ci lasciano tempo, ci lasciano nel nostro ritmo, ma vogliono guidarci.

La Madonna anche nell'ultimo messaggio di quest'anno dice « Abbandonate i vostri cuori a me ». Come tenore di questo abbandono la Madonna ha detto di meditare ogni giovedì il brano del Vangelo di Matteo 6,24-34 dove il Signore dice: «Decidetevi, non si può servire a due padroni, si amerà l'uno o si odierà l'altro ».

E dopo dice: « Guardate gli uccelli, perché le preoccupazioni angosciose? Cercate prima il Regno dei Cieli, tutto il resto vi sarà dato ».

Se noi capiamo questa promessa del Signore, molte angosce, molte paure, molte aggressioni andranno via e potremo vivere proprio in pace con noi stessi, con Dio e anche con gli altri.

Quando si fa questa via con la Madonna, si impara anche a ringraziare. In un messaggio ha detto che dobbiamo ringraziare cominciando dalle piccole cose per poter ringraziare anche per le grandi.

Ringraziare è un'altra parola per la pace. Pensate come è nelle famiglie se il marito non dice mai grazie a sua moglie anche per le più piccole cose. Come si sentirà la moglie? Male. Non avrà mai la gioia di fare le cose per la famiglia, ma se gli altri vedono che cosa fa, proprio soprattutto queste piccole cose, avrà sempre di più la forza, la gioia di continuare.

Se i bambini non vedono mai che cosa fanno già i loro genitori per loro, domanderanno di più e se domanderanno di più verranno i conflitti. Ma per poter ringraziare si devono imparare molte altre cose che si imparano nella preghiera e nel digiuno.

Una di queste cose è l'umiltà. L'umiltà significa lasciare vivere l'altro, vedere l'altro, conoscerlo e non usarlo come un mezzo, ma prenderlo come una persona. Io dico di nuovo che tutte queste cose si imparano andando passo per passo.

Voi sapete anche che la Madonna ha domandato la confessione. Qualcuno mi ha detto di dire qualche cosa su come dobbiamo confessarci. Molta gente quando si confessa dice: « Non ho rubato, non ho fatto del male agli altri, ho pregato un po', ho frequentato la Messa, sono un cristiano ». Tutto a posto.

Non è bene rubare, non è bene fare del male agli altri, questo è vero e se l'abbiamo fatto dobbiamo confessarlo.

Ma questo è un punto zero della vita cristiana; noi non siamo cristiani per non rubare, per non fare del male. Noi siamo cristiani per fare il positivo, per amare, per portare la pace. Vi dico un esempio: noi non abbiamo le gambe per non cadere, noi abbiamo le gambe per poter andare. Naturalmente può succedere che cadiamo, ma abbiamo le gambe per andare avanti. Così noi siamo cristiani non per non fare del male agli altri, ma per fare positivamente, per amare, per portare la pace. E allora non basta dire che non ho rubato, non ho bestemmiato; positivamente dobbiamo domandarci e riconoscere se abbiamo fatto quello che dovevamo fare, se abbiamo amato gli altri, se abbiamo portato la pace, la consolazione, se abbiamo condiviso.

Io vi dico che se cominciate una vita spirituale più profonda, sentirete sempre di più anche le piccole cose che si devono confessare. Non dico che dovete diventare scrupolosi, pieni di scrupoli, no, ma quando si vive una vita più profonda si sentono meglio le cose, si sentono meglio le ingiustizie, si sentono meglio anche le possibilità dove potevamo fare il bene. Così confessatevi sempre su tutto quello che sentite che non era giusto, guardate anche positivamente che cosa qualcuno aspettava da voi.

Se si va avanti si vedono nuove cose. Io ho avuto proprio oggi un caso molto interessante, una ragazza che era qui da quasi tre mesi, viveva una vita proprio intensa di preghiera, ma si sentiva bloccata e ha detto: «Io ho pregato Gesù: dimmi che cosa mi impedisce ancora di essere totalmente aperta? ». La risposta era

« La tua relazione con tua madre ». Non capiva. Ha detto: « Come mai? Io ho perdonato a mia madre ». Ma quando ha cominciato a domandarsi di nuovo ha scoperto un blocco in sé, proprio un blocco e io sono sicuro, perché la conosco bene, che questa è l'ultima cosa che deve uscire dal suo cuore per potersi abbandonare totalmente.

Ma guardate, quando si va avanti, si scoprono le cose e, vi ho già detto, il Signore è cauto con noi. Io so che se questa ragazza avesse sentito questa cosa forse tre mesi fa, non avrebbe capito tutto, ma nel momento giusto scopre e può andare avanti.

Molti che hanno cominciato a vivere una vita più profonda, sentono spesso queste cose. Un ragazzo che si è convertito qui mi ha detto: « Adesso la mia vita è un po' più difficile di prima. Io prima ero contento di me stesso, adesso non sono contento, adesso vedo le mie possibilità, anche i miei doveri: non mi fanno paura, ma vedo che devo fare di più ».

Io ho detto: « Guarda, quando si dà al Signore la mano, il Signore guida avanti ». Noi siamo tante volte inerti e ci accontentiamo se diciamo: « Non ho fatto del male ». Questo è un punto zero, lo ripeto. Pensate a S. Francesco, l'ultimo giorno prima di morire ha detto: « Fratelli miei cominciamo di nuovo, non abbiamo fatto ancora niente ». Non era vero che non aveva fatto niente, aveva fatto molto e la Chiesa e tutto il mondo lo riconosce come un grande santo, ma lui diceva: « Non abbiamo fatto niente » : questo è il sentimento di un santo.

Io dico ai nostri sacerdoti che quando confessano qui dovrebbero confessare e vedere altre cose. Per esempio, non basta dire: « Io vado alla Messa la domenica ». Qui non basta: se la Madonna domanda la preparazione alla Messa, ogni sacerdote dovrebbe anche un po' parlare con questi che si confessano e chiedere se si preparano alla Messa.

Se la Madonna domanda anche di ringraziare, si dovrebbe domandare anche: « Hai ringraziato dopo la Messa? ».

Solo un esempio, guardate da molte parti, forse da per tutto, che cosa succede? Si viene alla Chiesa quando cominciano a suonare le campane e subito dopo aver ricevuto la benedizione si esce. Se siete arrivati in chiesa un po' stanchi o nervosi perché avete cercato un posto per la macchina, in una Messa di quaranta, quarantacinque minuti che cosa potete ricevere? In una cucina dove si fanno i più bei pranzi per mangiare, se non si mangia si muore di fame. Così perché molti non vanno più alla Messa? Perché non si preparavano per la Messa, non ricevevano niente, dopo si domandavano: « Perché andare? Perché andare se non ricevo niente? ». Allora prepararsi e ringraziare. Cosa significa prepararsi? Per esempio, venire una ventina di minuti prima e pregare un po', un Rosario per esempio, qualche cosa e riposare vicino al Signore. Ringraziare: per esempio noi diciamo la preghiera per i. malati,

ma questa preghiera è sempre per tutti noi e nell'introduzione ripetiamo a Gesù vivente che abbiamo ricevuto nell'Ostia: «Tu Signore hai la parola per me, Tu puoi guarirmi ». Ma come può guarirci se non lasciamo che Gesù ci guarisca, se usciamo subito, se corriamo via subito? Così allora prendere un po' più di tempo prima e dopo la Messa e così si può andare avanti.

(P. Slavko Barbaric - 30 dicembre 1985)

 


 

PC version: Questa pagina | Medjugorje | Apparizioni  | Messaggi  | Articoli i Attualitaè  | Galleria[EN]  | Medjugorje Videos[EN]